Il ruggito del Family, Acsi spazzato via


Il ruggito del Family, Acsi spazzato via

Vince il Family Basket Caserta che al termine di una partita più equilibrata del previsto riesce a conquistare i due punti, con anche ampio scarto, forse troppo ingeneroso per le volenterose avellinesi. Continua quindi la serie di vittorie che, considerata la penalizzazione (-4) di Battipaglia e la contemporanea sconfitta di Marigliano (proprio contro la squadra di coach Farina che ha utilizzato in questo turno Treffers e Orazzo, play e pivot titolare della squadra di A2), riporta al vertice della classifica la squadra cara al presidente Narducci. Nella giornata che segna il ritorno in canotta bianconera di Florencia Palacios, top scorer delle sue, è una buona prestazione corale a regalare i due punti alla truppa di coach D’Angelo. Infatti oltre ai 17 punti dell’ala argentina, va segnalata la partita eccellente di una Raffaella Mallardo che domina sotto i tabelloni con eleganza e classe, chiudendo con 11 punti e 9 rimbalzi, mentre si confermano in doppia cifra sia Del Monaco (10 punti) che Petrazzuoli (10+10 rimbalzi), cui va riconosciuto un grande encomio perchè reduce da qualche problemino fisico e quindi non al meglio. La chiave della partita è però la presenza del gruppo, con tutte che portano il loro mattoncino, con Cocchiarella che nella ripresa con il suo pressing a tutto campo su Buglione riesce a frenare l’attacco ospite e a capovolgere la gara, questo per dire che nella pallacanestro non contano solo i punti realizzati. C’è spazio nel finale anche per qualche minuto a Natale, che segna anche, e Cerreto, giusto premio per le due ragazze giovani che si allenano con costanza. Per Avellino 36 dei 42 punti arrivano dalla coppia Buglione (21) e Memoli (15) con poco altro dalle compagne. Rammarico per Avellino che nei primi due quarti con ritmi bassi era riuscita a imbrigliare le maglie casertane. LA CRONACA: Partita fin dall’inizio molto spigolosa e giocata punto a punto. Nella prima fase l’attacco del Family è contratto, si segna davvero poco e Memoli e Buglione quasi da sole tengono a galla la propria formazione. Il coraggio di Petrazzuoli e Del Monaco e i canestri della Palacios, riescono a far uscire il Family alla distanza, ma il vantaggio alla prima sirena è minimo, 13-12. Nel secondo quarto Avellino alterna alla zona 3-2 anche una uomo ben fatta, e questi repentini cambi difensivi sono davvero utili a spezzare la continuità in fase offensiva delle bianconere. Con questo tipo di gara le ospiti vanno a nozze, e un 6-0 firmato da Tedesco e Buglione regala il massimo vantaggio irpino sul 19-23. Alla pausa lunga le ospiti sono avanti 22-25. Nella ripresa il Family disattende le solite uscite molli dagli spogliatoi e con un ottimo pressing a tutto campo ben orchestrato e in cui Cocchiarella si sacrifica molto, l’attacco irpino si blocca e non riesce più a produrre. E’ qui che la partita cambia, un break di 12-0 ribalta la gara e consegna a Caserta un vantaggio stabile che non verrà più recuperato. Le ospiti daranno l’ultimo sforzo con Memoli che prova a riprendere la gara per i capelli al 31′ sul -7, ma qui esce l’esperienza di Palacios che con 6 punti filati la chiude definitivamente, iniziando un periodo di garbage time in cui le panchine si svuotano da ambo i lati. Finisce 59-42, con autorità, e ora però non c’è tempo per festeggiare perchè settimana prossima si va a giocare in quel di Marigliano, una sfida importantissima contro l’ex Roberta Margio, e contro altre giocatrici passate da Caserta come Minadeo e Mandato. La squadra di coach Caruso è temibile e ben allenata, servirà una prova di sostanza per portare a casa due punti che sarebbero preziosissimi in vista del prosieguo del campionato.

Family Basket – Acsi Avellino 59-42(13-12;22-25;43-31) Family: Barone 4, Del Gaudio 2, Del Monaco 10, Petrazzuoli 10, Iuliano 1, Palacios 17, Cocchiarella, Migliore 2, Pastore, Mallardo 11, Cerreto, Natale 2. Acsi: Ruggiero, Tedesco 4, Morena n.e, Buglione D. 21, Memoli 15, Di Iorio, Cimmino 2, Dell’Anno, De Feo, Buglione B, Vietri.

Domenico Landolfo