Il coach casertano D’Albero e il sogno di Aruba ai CBC


Il coach casertano D’Albero e il sogno di Aruba ai CBC

Coach D'Albero durante un timeout con Aruba

Coach D’Albero durante un timeout con Aruba

E’ iniziata la fantastica esperienza del coach casertano Antonio d’Albero sulla panchina della nazionale di Aruba impegnata nei Caribbean Basketball Confederation (CBC) Games in corso di svolgimento in Guayana. Aruba è stata inserita nel girone B con Jamaica, Suriname, Guyana, Trinidad and Tobago mentre nel girone A ci sono Bahamas, Antigua Barbuda, Barbados, Dominica e British Virgin Islands. La selezione arubana, per la prima volta nella sua storia, è impegnata in un torneo di questo calibro ed erano quasi dieci anni che non giocava partite internazionali. Dopo circa tre mesi di intenso lavoro, mettendo in piedi la squadra, i ragazzi di coach d’Albero hanno giocato la loro prima partita internazionale contro Guyana perdendo di 2 con un canestro realizzato sulla sirena con una rimessa a 1.8 secondi dal termine. Seconda partita contro Trinidad and Tobago: rotto il ghiaccio nella gara di apertura gli arubani vanno sotto di 10 a metà partita con il miglior giocatore del Torneo nel roster di Trinidad and Tobaco con già 30 punti a referto. Il rientro in campo con una box and one annulla lo spauracchio avversario (4 punti negli ultimi 20 minuti) e Aruba la spunta con ben 18 punti di scarto, prima vittoria nella storia di Aruba in questa kermesse. Terza giornata i gialloblù non riescono a battere Suriname: avanti gli avversari di 15, remuntada di Aruba che passa in vantaggio sul finire di terzo quarto prima di crollare nel periodo finale e soccombere di 12. Quarta giornata con Aruba che gioca la sua nuova sfida in quattro giorni: la corazzata Jamaica (tra l’altro coach d’Albero ex di turno) soffre per tre quarti prima di chiudere la gara sul +12. Ora, in attesa dell’ultima giornata del girone, i ragazzi di coach d’Albero riposeremo e in base ai risultati delle altre partite sapranno per quale piazzamento giocare. Ecco un commento del coach casertano: “Aruba è una squadra tutto cuore capace di lottare e pressare per 40 minuti, capace di ribaltare anche 15 punti durante i 40 minuti e di alternare le difese a uomo e quelle a zona, non posso che essere orgoglioso dei miei ragazzi per quello che hanno dato fino a questo punto, ora ci giocheremo tutto per classificarci nelle migliore posizione”.