Florencia Palacios firma per l'Austral de Valdivia (Cile)


Florencia Palacios firma per l'Austral de Valdivia (Cile)

La Palacios in azione

La Palacios in azione

Ancora una volta il Cile per far parlar di sé e conquistare nuovi traguardi. Florencia Palacios ha appena firmato il contratto con il Club Austral di Valdivia, compagine del sud del Cile: il contratto durerà fino al termine dell’estate. La giocatrice argentina di passaporto italiano, ala pivot di 183 cm, aveva iniziato la stagione nelle fila del Family Caserta sempre per l’incredibile legge dei passaporti che non le permette di giocare in serie A2 e A3 da italiana ma solamente da straniera. Adesso questo nuova occasione cilena dopo che, nella passata stagione, aveva vestito la canotta ‘Los Leones’ dove vinse la classifica marcatrici. Stavolta andrà a Valdivia ed in una Lega in costante crescita che, quest’anno, promette di essere quella più interessante di tutto il Sud America vista la presenza di giocatrici straniere di primissimo livello (una per compagine) in arrivo da Europa e Stati Uniti. Il contratto di Florencia assume ancora più valore per il fatto che giocherà in due competizioni: non solo prenderà parte alla Liga Femenina cilena ma anche alla prestigiosa competizione internazionale “Las Americas”. Il Torneo Las Americas corrisponde alla nostra Eurolega ma in una fase più avanzata in quanto partecipa solo una squadra per nazione appartenente alle Americhe; in questa edizione, a difendere i colori del Cile, sarà proprio l’Austral di Valdivia. La manifestazione si svolgerà in Ecuador. “Sono molto felice di poter tornare in Cile dopo l’esperienza della passata stagione che è stata molto positiva – confida la giocatrice argentina ma, ormai, italiana a tutti gli effetti -. Quest’anno sarà una sfida ancora più emozionante dato che parteciperò anche al torneo de Las Americas che è una competizione internazionale di molto prestigio nelle Americhe; sarà una grande responsabilità perché insieme alla mia nuova squadra rappresenteremo il Cile in questa competizione e sicuramente dovremo fare bene”.

Camillo Anzoini