Flo Palacios spopola in Sudamerica


Flo Palacios spopola in Sudamerica

Ancora una grande avventura per una giocatrice argentina ma, ormai, casertana d’adozione.
Ancora una pagina da raccontare per Florencia Palacios, ala pivot che sta continuando a far parlare di se in giro per il mondo del basket in rosa mondiale. Florencia ha appena terminato la “Liga Femenina” del campionato Cileno dove ha difeso la canotta dell’Universidad Austral di Valdivia squadra del sud della splendida nazione sudamericana. Il campionato, quest’anno, è stato veramente molto competitivo e vedeva anche la presenza di giocatrici provenienti dalla WNBA e da molti campionati Europei per alzare il livello di uno dei tornei sudamericani più interessanti per la pallacanestro femminile. Al termine del campionato risulta per il secondo anno consecutivo la miglior marcatrice del campionato con la media di 26,3 punti a partita e tra le migliori tiratrici da 3 punti della lega cilena. A maggio ha anche partecipato al Sudamericano di Clubs prestigiosa competizione che si è svolta in Ecuador con le migliori squadre dell’intero Sudamerica, equivalente della una nostra Eurolega; nella più importante e prestigiosa manifestazione di basket femminile del continente ha registrato anche un high score di 21 punti contro la formazione ecuadoriana di casa. Terminata questa positiva esperienza rientrerà a breve in Italia dove spera di ottenere un nuovo contratto in Italia o dinuovo all’estero. In virtù delle clamorose leggi italiane del basket, Flo può giocare in B da italiana mentre negli altri campionati è considerata straniera nonostante sia in possesso del passaporto italiana da anni. Nonostante Florencia viva in Italia da 10 anni ancora non è considerata italiana a tutti gli effetti  per la Federazione e si spera che questa possa essere finalmente la stagione che cambierà questa norma che “obbliga” i giocatori italiani e passaportati italiani a venire considerati ‘nostrani’ solo dopo aver effettuato quattro anni di giovanili in Italia. Questa volta pare ci sia addirittura una spinta dall’Unione Europea di Bruxelles che preme verso questo cambiamento che sicuramente darebbe una mano ad un movimento ormai carente di giocatrici e in netta discesa. Intanto Flo si gode questo nuovo successo personale lontano da casa ma in un continente sempre più suo.